Navigation

Tibet: in migliaia manifestano contro occupazione cinese

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2012 - 14:54
(Keystone-ATS)

Migliaia di tibetani hanno manifestato nell'area di Yushul, nella parte orientale del Tibet, portando bandiere e chiedendo il ritorno del Dalai Lama in concomitanza con la giornata di solidarietà del popolo tibetano proclamata per ieri.

Le manifestazioni si sono tenute sia ieri che oggi, cominciate, secondo quando riferiscono i siti di organizzazioni che si battono per i diritti dei tibetani, da almeno 400 monaci del monastero di Dzil Kar. I monaci hanno sfilato circondati da un gran numero di militari, che li hanno bloccati su un ponte all'ingresso della città di Dza Toe, fuori dall'abitato.

Ai monaci si sono uniti oltre un migliaio di residenti. Nonostante la protesta anticinese, gli slogan contro Pechino a favore del ritorno del Dalai Lama e del Panchen Lama (rapito da bambino dalla polizia cinese e da allora nascosto da Pechino, che al suo posto ha istallato un'altra persona) e lo sventolio di bandiere tibetane, non è stato operato nessun arresto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?