Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La comunità dei tibetani in esilio è impegnata oggi in tutto il mondo nelle operazioni di voto per scegliere il nuovo primo ministro (Sikyong) ed i membri del Parlamento esiliato. Lo scrive l'agenzia di stampa Ians.

Lunghe file di uomini e donne hanno atteso, con le loro carte di identità verdi, di poter votare in lunghe file nei nove seggi aperti a Dharamsala, la capitale del loro governo in esilio nello Stato indiano di Himachal Pradesh. La scelta per il futuro premier è fra quello uscente, Lobsang Sangay, e Penpa Tsering, attuale presidente del Parlamento.

Partecipano alle operazioni di voto oltre 90.000 tibetani in esilio in tutto il mondo, ma il Dalai Lama, la guida spirituale dei tibetani che attualmente è negli Stati Uniti per cure mediche, non è fra gli elettori.

In India seggi sono aperti, oltre che a Dharamsala, anche a Darjeeling, Bylakuppe, Dehradun e New Delhi. Fra i principali Paesi dove i tibetani esiliati possono votare sono Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone, Russia ed Australia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS