Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUSINO - Un ticinese di 50 anni è stato fermato mercoledì sera sul lago di Lugano mentre tentava di importare illegalmente 26'000 trotelle lacustri vive. Lo hanno riferito questo pomeriggio le guardie di confine, precisando che lo scopo di tale contrabbando è ancora al vaglio delle autorità.
Nei confronti dell'uomo, residente a Lugano, è stato redatto un decreto penale, mentre le trote sono state sequestrate e poste in quarantena.
Gli agenti della polizia caccia e pesca stavano controllando le rive del lago Ceresio, all'altezza di Brusino, e hanno notato movimenti sospetti sul natante del cinquantenne. Hanno quindi deciso di intercettare l'imbarcazione sul lago, con l'aiuto delle guardie di confine.
Con non poco stupore - afferma una nota odierna - durante il controllo dell'imbarcazione e della merce trasportata a bordo, gli agenti hanno trovato le 26'000 trote.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS