Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Seguendo la pista dei dollari, polizie di quattro stati americani e l'Fbi hanno fatto perquisizioni lungo la East Coast americana, dal Massachusetts a Filadelfia, nell'ambito delle indagini sul complotto dell'autobomba di Times Square.
Almeno tre persone sono state fermate e le autorità hanno sequestrato casse di documenti e di computer ma le forze dell'ordine hanno precisato che le operazioni non erano in risposta a un nuovo allarme attentati.
Le operazioni fanno sequito all'arresto di Faisal Shahzad, il pakistano americano fermato su un volo in procinto di decollare per Dubai il 3 maggio, due giorni dopo aver messo l'auto-bomba per fortuna non esplosa a Times Square.
Shahzad è stato incriminato per aver tentato di fare un attentato con l'uso di armi di distruzione di massa. I raid di oggi erano legate a informazioni fornite dal giovane agli investigatori. Avevano a che fare con la pista dei soldi serviti al giovane per portare a compimento il suo gesto. Due delle tre persone arrestate avevano rapporti diretti con l'attentatore e potrebbero averlo aiutato a ottenere il denaro atraverso il sistema informale usato per mandare e ricevere valuta da e per il Pakistan. "Quel che non è chiaro è quanto sapevano e se sapevano a cosa sarebbero serviti i soldi".

SDA-ATS