Navigation

Tir della morte, convalidato arresto dell'autista

E' stato convalidato oggi da un giudice britannico - fino al 25 novembre - l'arresto di Maurice Robinson, l'autista nordirlandese 25enne che era alla guida del 'tir dell'orrore' sbarcato dal Belgio in Inghilterra la settimana scorsa KEYSTONE/EPA/VICKIE FLORES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2019 - 12:38
(Keystone-ATS)

E' stato convalidato da un giudice britannico l'arresto di Maurice Robinson, l'autista nordirlandese 25enne che era alla guida del tir sbarcato in Inghilterra la settimana scorsa nel cui rimorchio frigorifero sono stati trovati i cadaveri di 39 migranti clandestini.

L'uomo deve rispondere fra l'altro del sospetto di omicidio colposo plurimo e di complicità nel traffico di persone.

Robinson è comparso in video dal luogo di detenzione dinanzi alla Chelmsford Magistrates' Court, che ne ha confermato la custodia cautelare almeno fino al 25 novembre, quando dovrà dichiararsi colpevole o innocente di fronte alla corte londinese di Old Bailey.

La polizia dell'Essex lo ha incriminato sabato per l'omicidio colposo di 39 persone, 31 uomini e 8 donne, nonché complicità in traffico di esseri umani, immigrazione illegale e riciclaggio di denaro. Oltre a lui sono stati arrestati in questi giorni 4 presunti basisti britannici, due in Irlanda, due in Inghilterra, 3 dei quali però rilasciati.

I migranti trovati nel Tir - passati attraverso la Cina nel loro viaggio-odissea verso l'Europa pagato ai trafficanti fino a circa 35.000 euro a testa, fra contanti e ipoteche sulla casa - erano stati inizialmente indicati dalla polizia britannica come cinesi. Ma poi è emerso (grazie anche ad alcuni strazianti messaggi d'addio inviati a familiari) che almeno in parte sarebbero di origine vietnamita. I test sul dna per una identificazione certa delle vittime sono ancora in corso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.