Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Man spricht Deutsch", si parla tedesco. Cartelli come questi potrebbero presto apparire nei cortili delle scuole in Austria, se l'iniziativa del Comune di Wörgl dovesse fare scuola.

Suscita, infatti, polemiche la mail spedita dalla giunta comunale agli insegnanti, invitandoli ad adoperarsi per l'utilizzo esclusivo del tedesco anche durante la ricreazione per migliorare l'apprendimento della lingua fra i figli di immigrati.

Wörgl è una graziosa e tranquilla cittadina di 16'000 abitanti, che negli ultimi anni, anche a causa della sua vicinanza al confine con la Baviera, ha registrato un significativo aumento di migranti e profughi, che in alcune scuole elementari ormai superano il 50% degli alunni.

Da tempo i Freiheitlichen, partito di destra del defunto leader Jörg Haider, spingono per bandire dai cortili la madrelingua di questi bambini. Iniziative simili si registrano anche in altre zone dell'Austria, ma se finora sono sempre fallite per l'impossibilità di imporre alle scuole un divieto di lingue straniere nei cortili. Per questo motivo a Wörgl, dove i Freiheitlichen dopo i popolari della Övp sono il secondo partito, il Comune si è limitato a formulare un "invito" agli insegnati, provocando comunque un bel polverone.

L'iniziativa viene infatti bocciata dagli insegnanti. "A mio avviso, è un diritto umano che un bambino durante la ricreazione possa comunicare nella lingua dei suoi genitori, soprattutto visto che durante la lezione si parla comunque solo tedesco", dice Isabella Mölk della Volksschule 1 alla Tiroler Tageszeitung.

Per l'assessora tirolese all'istruzione Beate Palfrader (Övp) l'autonomia delle scuole non va toccata. "Dobbiamo smetterla di dare consigli alle scuole, che sanno meglio di noi cosa fare", commenta. "Dobbiamo anche smetterla - prosegue l'assessora, interpellata dal giornale - di discriminare alcune persone.

Teniamo sempre presente, che la varietà culturale è anche una grande opportunità". Il Comune si difende affermando, che non si tratterebbe di un provvedimento discriminatorio, ma a favore dell'integrazione, perché attualmente i bambini con background migratorio durante la ricreazione fanno gruppo e si isolano dai bambini di madrelingua tedesca. Il Comune ricorda anche che da quest'anno in tutti gli asili operano degli insegnati di lingua.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS