Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOMÉ - Il capo di stato uscente Faure Gnassingbé è in testa alle elezioni presidenziali in Togo, secondo i primi risultati parziali resi noti dalla Commissione elettorale in serata a Lomé.
In seconda posizione, ma non con eccessivo distacco, il suo principale antagonista, il leader dell'opposizione Jean-Pierre Fabre. La situazione nella capitale è tesa e il dispiegamento di polizia è stato considerevolmente rafforzato.
Gli aventi diritto al voto sono 3,3 milioni: la Commissione elettorale ha comunicato che sono state scrutinate poco meno di 1,3 milioni di schede e che Gnassingbé (del partito Rpt, Raggruppamento del popolo togolese, al potere) ha ottenuto 765'184 voti contro i 602'085 attribuiti a Fabre (Ufc, Unione delle forze di cambiamento).
Centinaia di giovani si sono radunati davanti alle sedi dei due partiti principali: meno numerosi e più calmi i fedelissimi di Gnassingbé, più aggressivi i sostenitori di Fabre che denunciavano irregolarità e gridavano slogan incendiari: "Bisogna che Fabre passi - urlavano -. Se no Lomé andrà a fuoco e bruceremo il paese".
Con il calar della notte, contro i manifestanti dell'opposizione è intervenuta con la forza la polizia che li ha dispersi facendo anche uso di gas lacrimogeni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS