Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Come ampiamente anticipato, Charlie Hebdo è tornato questa mattina nelle edicole di Francia, anche se almeno per ora non si stanno verificando quelle code impressionanti davanti ai giornalai a cui si era assistito in occasione dell'uscita del cosiddetto 'numero dei sopravvissuti', pubblicato appena una settimana dopo la strage jihadista del 7 gennaio nella redazione del settimanale.

Dopo un mese e mezzo di assenza, il n.1179 di Charlie è tornato in edicola con una tiratura da 2,5 milioni di copie. Nella copertina su sfondo rosso, anticipata nei giorni scorsi, viene raffigurato in bianco e nero un cane che tiene in bocca una copia del giornale mentre fugge via inseguito da una folla inferocita di personaggi: caricature tra l'umano e l'animale, tra cui si riconoscono i volti di Nicolas Sarkozy, Marine Le Pen, Papa Francesco e uno jihadista, con le sembianze di un grosso lupo nero con un kalashnikov. A firmarla è il il vignettista Laurent Sourisseau, alias Riss, ferito durante la strage dei fratelli Kouachi che ha fatto 12 morti, e nominato nuovo direttore, come successore di Charb.

A Parigi, diversi giornalisti fanno notare che questa volta davanti ai giornalai la situazione sembra essere più tranquilla. Come alla Gare Saint-Lazare, nel cuore della capitale, dove non c'è stato l"assaltò alle edicole a cui si era assistito la volta scorsa, con le copie di Charlie esaurite in un baleno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS