Navigation

TPF: attentatore condannato a 34 mesi

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 17:37
(Keystone-ATS)

Trentaquattro mesi di carcere, di cui 12 da scontare e gli altri 22 sospesi con la condizionale per un periodo di tre anni: è la condanna inflitta oggi dal Tribunale penale federale di Bellinzona a uno zurighese di 46 anni, finito sotto processo con l'accusa di aver commesso due attentati dinamitardi.

I giudici hanno seguito in gran parte la requisitoria del Ministero pubblico della Confederazione, che aveva chiesto una pena a tre anni e mezzo di prigione, pena poi leggermente ridotta in considerazione del fatto che gli attentati hanno provocato unicamente danni materiali, senza recare pregiudizio alle persone.

I fatti risalgono al gennaio del 2008, quando un ordigno di fabbricazione artigianale è esploso all'interno di un palazzo per uffici a Zurigo, e al giugno del 2007, quando è stato preso di mira un'autosalone di Schlieren (ZH): in quell'occasione era andata a fuoco una vettura nuova fiammante. Gli inquirenti sono riusciti a risalire al bombarolo grazie a tracce di DNA ritrovate sul posto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?