Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si è concluso oggi dopo tre giorni di udienze a Bellinzona il processo contro l'ex presidente degli Hells Angels zurighesi e altri tre membri del club motociclistico. La sentenza del Tribunale penale federale (TPF) è attesa per il 18 settembre.

Al termine delle arringhe, la difesa ha esortato i giudici ad assolvere i quattro imputati. La procuratrice del Ministero pubblico della Confederazione Lucienne Fauquex aveva chiesto in precedenza una pena da scontare di tre anni e nove mesi per l'ex presidente e condanne a 28, 18 e 14 mesi - con la condizionale totale o parziale - per gli altri tre membri, due zurighesi e un losannese.

L'ex presidente è accusato di ripetuta violazione della legge sugli stupefacenti negli anni 2003-2004 (coltivazione e vendita di marijuana), tentata estorsione, tentato sequestro di persona (un uomo ritenuto al corrente delle circostanze in cui era stata rubata la moto di un membro del club) e preparazione di una rapina a un portavalori. Gli altri tre "biker" di coinvolgimento in alcuni di questi reati, spesso con ruoli marginali. Gli imputati avevano contestato gran parte delle accuse, fondate per l'essenziale su ascolti telefonici e misure di sorveglianza.

La difesa ha denunciato la debolezza delle prove addotte e ha affermato che i verbali delle registrazioni sono inaffidabili, a causa in particolare della cattiva qualità delle registrazioni stesse. Secondo l'avvocato dell'imputato principale, Valentin Landmann, i verbali devono essere ritenuti inutilizzabili, tanto più che le registrazioni sono state effettuate sulla base di premesse erronee, ossia il sospetto di partecipazione a una organizzazione criminale. Un'accusa poi totalmente abbandonata dalla Procura federale nel dicembre 2010.

Il processo si era aperto già nell'ottobre 2011, ma il Tribunale aveva disposto un aggiornamento giudicando incompleti e raccolti in modo disordinato i mezzi di prova dell'accusa. In precedenza, nel maggio del 2011, il TPF aveva condannato un Hells Angel zurighese di 53 anni a tredici mesi di detenzione, sospesi con la condizionale, per aver coltivato e venduto marijuana.

Le indagini contro gli "Angeli dell'inferno" erano state avviate nel gennaio 2003. Il 28 aprile 2004 c'era stata una maxi retata a Zurigo, molto mediatizzata, seguita da perquisizioni anche nei cantoni di Argovia, Soletta e Vaud. All'operazione avevano partecipato circa 300 agenti, che avevano arrestato 13 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS