Navigation

Tpi: per Russia tribunale va chiuso, fa politica

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 13:32
(Keystone-ATS)

Il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, ha ribadito la richiesta di chiusura del Tribunale penale internazionale dell'Aja (Tpi), accusato da Mosca di essere parziale e influenzato politicamente.

"Da tempo chiediamo la chiusura del Tpi, che ha esaurito la sua funzione attuata in maniera non del tutto impeccabile", ha detto Lavrov oggi ai giornalisti a Mosca, come riferito dai media a Belgrado.

Il Tribunale dell'Aja, ha sottolineato, ha mostrato di avere doppi standard, con procedure estremamente severe e più restrittive nei confronti degli imputati serbi rispetto al trattamento riservato agli appartenenti ad altri gruppi etnici, a cominciare dai musulmani bosniaci.

Con la cattura e la consegna al Tpi nei mesi scorsi di Ratko Mladic e Goran Hadzic, gli ultimi due criminali di guerra serbi ancora latitanti, Belgrado ha concluso la collaborazione con il tribunale dell'Aja, al quale tuttavia continua a fornire assistenza e appoggio in termini di archivi e documentazione.

Lavrov ha aggiunto che Mosca intende offrire assistenza legale a Vojislav Seselj, l'ultranazionalista serbo sotto processo al Tpi per crimini di guerra commessi all'inizio degli anni novanta in Croazia, Bosnia e nella provincia serba della Voivodina. Nei giorni scorsi Seselj, in precarie condizioni di salute, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per l'applicazione di un pacemaker.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?