Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la prima volta dal 1995, lo scorso anno è calato il numero di passeggeri sui treni in Svizzera (-1,1%). Tendenza inversa per i veicoli a motore che, superata la soglia dei cinque milioni di unità, hanno trasportato il 2,1% in più di viaggiatori. Lo rende noto oggi l'Ufficio federale di statistica (UST).

Le prestazioni della ferrovia sono scese a 19,3 miliardi di chilometri-persona (somma dei chilometri percorsi da tutti i viaggiatori), mentre nel 2011 erano 19,6 miliardi. Fra il 2005 e il 2011 la crescita raggiungeva in media il 4,3% all'anno, rileva l'UST.

L'incremento del traffico stradale privato motorizzato (moto, auto e pullman) è risultato più consistente rispetto a quello del 2011 (+1,4%), raggiungendo un totale di 91,8 miliardi di chilometri-persona, un dato quattro volte superiore a quello della ferrovia.

Parallelamente, il parco veicoli a motore è cresciuto nel 2012 del 2,2% a 5,1 milioni di unità. Alla fine dell'anno le automobili erano 4,3 milioni, in crescita dell'85% rispetto al 1980.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS