Navigation

Traffico: super-radar installato a fine agosto a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 agosto 2010 - 13:44
(Keystone-ATS)

GINEVRA - Dopo un periodo di prova, la polizia ginevrina ha deciso di dotarsi di un super-radar in grado di rilevare lo spostamento simultaneo di 22 automobili su quattro corsie e per 500 metri. A darne notizia è l'edizione odierna del settimanale "Le Matin Dimanche", che conferma un interessamento di cui la stampa aveva parlato nel maggio scorso.
Il nuovo arrivato, prodotto dalla società zurighese Multanova, si chiama TraffiStarSR590 ed è stato omologato in aprile dall'Ufficio federale di metrologia (UFMET). A Ginevra entrerà in servizio alla fine di agosto.
Se in un primo tempo l'apparecchio verrà impiegato per individuare le vetture che superano i limiti di velocità o passano con il rosso, ben presto verrà configurato per rilevare anche gli automobilisti che restano incollati al paraurti dell'auto che li precede, quelli che non si fermano davanti alle strisce pedonali, che rifiutano la priorità da destra o che guidano in modo pericoloso, scrive il giornale.
Entro il 2011, verranno sorvegliati anche i conducenti che sfruttano le piste ciclabili o le corsie degli autobus, quelli che svoltano dove non potrebbero o ancora quelli che superano una linea gialla.
Il super-radar potrebbe presto fare la sua comparsa anche in altre città svizzere, scrive ancora il settimanale, secondo cui Losanna starebbe seriamente pensando di seguire Ginevra. Da parte sua Stefan Guggisberg, responsabile di Multanova, non fa mistero della sua intenzione di arrivare a venderne in Svizzera almeno una ventina di esemplari quest'anno e addirittura 50 il prossimo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.