Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Viaggio in treno, viaggio non sempre sereno, almeno per il portafoglio: con il cambiamento dell'orario ferroviario, il 12 dicembre, i prezzi dei biglietti di FFS e dei trasporti pubblici aumenteranno in media del 5,9%, al posto del 6,4% chiesto inizalmente.
Maggiormente colpiti sono i titolari di abbonamenti generali (in media +6,7%) e metà-prezzo (da +10% a +20%). Se i prezzi per questi due tipi di abbonamenti aumenteranno molto di più della media, la crescita dei biglietti singoli e degli abbonamenti di percorso sarà del 2,4%, anziché del 3,4%. Ciò comporterà minori entrate per 10-11 milioni di franchi.
Dopo sei mesi di "difficili trattative", il sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans e l'Unione dei trasporti pubblici (UTP) hanno trovato un accordo, che hanno illustrato oggi a Berna alla stampa. Già lo scorso febbraio "Mister prezzi" aveva annunciato di non essere d'accordo con l'innalzamento delle tariffe proposto dall'UTP.
L'aumento globale sarà del 5,9%, contro il 6,4% chiesto dall'organizzazione. Il suo direttore Peter Vollmer ha sottolineato che "questo incremento, il primo da tre anni, è moderato". Egli lo ha giustificato con il potenziamento dell'offerta e la relativa crescita dei costi del personale, della sicurezza e dell'energia.
Nulla ha potuto "Mister prezzi" circa i massicci aumenti degli abbonamenti generali e di quelli metà-prezzo. Il costo di quest'ultimo, come previsto, salirà così di 15 franchi a 165, per una durata annua. Per due anni, il prezzo aumenterà invece di 50 franchi (+20%), salendo a 300. Idem per l'abbonamento di tre anni, che si porterà a 400 franchi.
L'abbonamento generale rincarerà mediamente del 6,7%. In seconda classe, un adulto dovrà sborsare 3'300 franchi (200 franchi in più; +6,5%) e 5'150 franchi in prima (+300 franchi; +6,2%). Per giovani e studenti, l'abbonamento generale di seconda classe aumenterà di 150 franchi a 2'400 (+6,7%). Per gli anziani la crescita sarà di 200 franchi a 2'550 (+8,5%).
Le carte giornaliere rilasciate della FFS aumenteranno mediamente del 6,6% (del 5,6% quella normale e del 7,5% quella a partire dalle 09.00, valida d'ora in poi solo dal lunedì al venerdì). Per quella normale il costo salirà da 103 a 108 franchi per la prima classe e da 64 a 68 per la seconda.
Il prezzo delle carte giornaliere comunali aumenterà invece del 15%, ma esse potranno continuare ad essere usate per l'intera giornata. Nelle trattative, è stato convenuto di rinunciare a limitarne la validità a partire dalle 9.00 dal lunedì al venerdì, come avrebbe voluto l'UTP.
Mister prezzi si è rallegrato d'aver ottenuto dall'UTP la garanzia di maggiore trasparenza circa la politica tariffaria. L'UTP si è impegnata a sottoporre all'esame del Sorvegliante, entro aprile 2011, una visione d'insieme dei supplementi sulla distanza. Meierhans ha sottolineato che "gli utenti hanno il diritto di capire come mai la tratta Berna-Zurigo sia più cara rispetto a quella Berna-Ginevra", sebbene sia più corta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS