Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le trattative volte a rinnovare l'accodo di libero scambio con la Turchia vanno sospese finché in questo Paese la situazione dei diritti umani non sarà migliorata. È l'appello lanciato oggi al Consiglio federale da tredici ONG e due partiti, PS e Verdi.

Dal 1991 è in vigore un'intesa di libero scambio tra i Paesi dell'Associazione europea di libero scambio (Aels), di cui la Svizzera è membro, e Ankara. Attualmente sono in corso negoziati tra le parti (Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein) e la Turchia per modernizzare l'accordo, si legge in una nota diffusa dalla Società per i popoli minacciati.

Per partiti e organizzazioni non governative il dialogo va sospeso finché il governo turco non avrà liberato tutti i prigionieri politici, ripristinato la libertà di stampa - specie per gli organi dell'opposizione e della minoranza curda - e di movimento per le ONG e messo fine all'aggressione militare contraria al diritto internazionale contro la città siriana di Afrin.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS