Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo stress, ma anche l'insicurezza sul futuro del posto di lavoro preoccupano maggiormente i dipendenti svizzeri, in particolare quelli più anziani. È il risultato del "Barometro" sul lavoro realizzato da Travail.Suisse intervistando 1500 persone.

L'organizzazione rivendica una politica di formazione adatta alle varie situazioni e consigli per i lavoratori di una certa età.

In particolare, il 65% dei dipendenti tra i 46 e i 64 anni non crede in caso di abbandono volontario o no dell'impiego di poter trovare un'occupazione analoga con una paga simile a quella percepita.

Molto preoccupante è il fatto che i maggiori timori per il posto di lavoro si registrano tra i dipendenti con più di 45 anni nelle regioni di confine come Ticino e Ginevra, ha rilevato il consigliere nazionale Jacques-André Maire (PS/NE), vicepresidente dell'organizzazione.

E succede troppo spesso che lavoratori anziani perdano il posto che viene occupato da giovani frontalieri. Per fermare questa tendenza Travail.Suisse ritiene necessario migliorare la politica di formazione e aggiornamento professionale a partire da quando il lavoratore ha poco più di 40 anni. Come pure elaborare consigli nel campo della carriera e correggere la politica d'impiego delle imprese.

"Se non riusciamo a dare abbastanza sicurezza a un gruppo d'età che esercita una certa influenza in politica, questo gruppo non aderirà più alla libera circolazione delle persone e neppure agli accordi bilaterali", ha ammonito Adrian Wüthrich, presidente designato di Travail.Suisse.

Dall'inchiesta emerge inoltre che le lavoratrici e i lavoratori attribuiscono la nota peggiore allo stress e al carico psichico del lavoro: il 40% si sente spesso o molto spesso stressato dal lavoro e un terzo lo percepisce come un carico psicologico.

La pressione è nettamente aumentata nel contesto dell'abbandono del tasso minimo di cambio del franco con l'euro. Secondo Wüthrich, "la corsa alla produttività provoca un carico ulteriore per i lavoratori, con effetti negativi sulla salute e un costo elevato per tutta l'economia".

Emerge inoltre che i lavoratori sono insoddisfatti dalle misure prese dai loro datori di lavoro per promuovere la salute. Il 14% ritiene che non è stato adottato nessun provvedimento. Le misure sono appena sufficienti o insufficienti per il 29% degli interpellati.

Lo stesso dicasi per l'incoraggiamento da parte di datori di lavoro alla formazione continua: circa la metà (46%) ne riceve troppo poco o per niente, denuncia Travail.Suisse.

Domani l'organizzazione terrà a Berna il suo congresso con al centro il tema "Per un lavoro con futuro". In programma vi è anche l'elezione del nuovo presidente.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS