Navigation

Travail.Suisse a datori di lavoro, no a licenziamenti prematuri

Non è il caso di licenziare subito, afferma la federazione sindacale. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2020 - 09:59
(Keystone-ATS)

No a licenziamenti prematuri, che aggravano inutilmente la crisi: è l'appello lanciato da Travail.Suisse, che invita i datori di lavoro a dar prova di moderazione.

I dati appena pubblicati dalla Segreteria di Stato dell'economia mostrano il forte impatto del coronavirus, afferma la federazione sindacale in un comunicato odierno. Malgrado il massiccio ricorso la lavoro ridotto - che riguarda attualmente un occupato su quattro - a fine marzo si registrano 17'802 disoccupati in più di fine febbraio.

Per Gabriel Fischer, responsabile della politica economica presso Travail.Suisse, occorre proprio insistere sul valido strumento della disoccupazione parziale. "Licenziare in modo troppo facile aggrava inutilmente la crisi economica", afferma Fischer, citato nel comunicato.

Travail.Suisse chiede fra l'altro anche che venga finalmente trovata anche una soluzione per garantire il reddito dei lavoratori su chiamata. Inoltre deve essere assolutamente tutelata la salute di tutti i dipendenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.