Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Calcio ed economia "sì", ma separati, senza mai parlare degli effetti del calcio sull'economia. Il ministro italiano Giulio Tremonti smentisce la ricostruzione riportata ieri da alcuni quotidiani nazionali, secondo la quale avrebbe legato la crescita del Pil alla vittoria dei Mondiali.
"In riferimento alla notizia riportata sabato scorso da alcuni quotidiani nazionali, secondo la quale il Ministro dell'Economia e delle Finanze avrebbe legato la crescita del Pil alla vittoria dei Mondiali - si legge in una nota del Tesoro italiano - si precisa che il ministro Tremonti ha parlato con Bonanni tanto di calcio quanto di economia, ma non degli effetti del calcio sull'economia. Il ministro Tremonti - prosegue la nota - non è un "economista" e non fa gli errori di presunzione tipici degli economisti, ad esempio la stima del rapporto tra un Mondiale di calcio e il prodotto lordo nazionale".

SDA-ATS