Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si finge prete, confessa un parrocchiano e invece dell'assoluzione pretende un'offerta in denaro. Protagonista del singolare episodio, avvenuto a Rovereto, un cinquantenne romeno che è stato denunciato dai carabinieri per sostituzione di persona.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, un parrocchiano è entrato in chiesa e si è avvicinato al confessionale dove ha visto la tendina chiusa e ha notato qualcuno all'interno ritenendo che dentro vi fosse il sacerdote.

Il penitente ha iniziato ad elencare i suoi peccati non accorgendosi subito dell'inganno in quanto chi era nel confessionale, benché non usasse terminologie religiose e frapponesse frasi talvolta incomprensibili, comunque gli dava anche consigli pertinenti su come emendare le proprie colpe e, in più, su come avere rispetto per gli stranieri e di essere contento per la sua famiglia.

Solo al momento di ricevere l'assoluzione ha iniziato a sospettare di qualche stranezza, in quanto il finto sacerdote, invece di assolverlo, gli ha chiesto un'offerta da lasciare direttamente in confessionale nelle sue mani. A questo punto però sono intervenuti i carabinieri del radiomobile che stavano cercando un uomo in zona, su segnalazione di alcune persone che lo avevano visto poco prima sull'altare della stessa chiesa che profferiva frasi incomprensibili, disturbando i fedeli in preghiera.

Così il finto prete, già conosciuto dalle forze dell'ordine, è stato accompagnato in caserma e denunciato a piede libero per sostituzione di persona.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS