Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 50 mila fan hanno assistito stasera a un trionfale concerto dei Rolling Stones a Tel Aviv, malgrado un appello dei Pink Floyd a non tenerlo per boicottare Israele per la sua politica nei Territori palestinesi.

In una lettera aperta pubblicata alcuni giorni fa sul sito progressista Salon.com - i fondatori della band, Roger Waters e Nick Mason, da tempo impegnati a sostegno della causa palestinese, hanno caldamente invitato gli Stones a non suonare a Tel Aviv cancellando la performance, aderendo alla campagna Boycott, Divestment and Sanctions (Bds) e seguendo l'esempio di altri artisti come Elvis Costello e Carlos Santana.

Ma la risposta - scrive il Washington Post - è stata un secco 'no'. Il concerto si è tenuto regolarmente. "Suonare ora in Israele è l'equivalente morale di suonare a Sun City quando in Sudafrica c'era l'apartheid", avevano affermato i Pink Floyd. I quali, nonostante la scelta di Jagger e Richards, non si scoraggiano e annunciano che andranno avanti nella loro battaglia contro l'occupazione dei Territori palestinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS