Navigation

Truffe romantiche, polizia lancia campagna prevenzione

Truffe romantiche, polizia lancia campagna prevenzione (foto simbolica) KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2019 - 14:59
(Keystone-ATS)

I corpi di polizia svizzeri, l'organizzazione Prevenzione svizzera della criminalità (PSC) insieme ad anibis.ch, la più grande piattaforma di annunci gratuiti nella Svizzera romanda, lanciano una campagna preventiva contro le truffe romantiche.

Scopo: ricordare alla popolazione i comportamenti corretti da adottare per ridurre il rischio di imbroglio.

I raggiri a sfondo sentimentale, noti anche con il nome di romance scams o love scams, sono fortemente aumentate in questi ultimi anni: i dati dell'Ufficio federale di statistica (UST) evidenziano una progressione da 9’238 casi nel 1990 a 16’319 nel 2018 (+77%). L'incremento è soprattutto dovuto allo sviluppo di Internet.

La nuova campagna "E lei? Avrebbe detto di sì?" Intende sensibilizzare sulle truffe legate alla ricerca di un partner online.

In questo tipo di reato i truffatori sottraggono denaro alle persone cadute nella loro trappola, le quali oltre a comportare perdite di tipo finanziario - con conti bancari svuotati - subiscono anche spesso danni di carattere psicologico legati alla perdita di fiducia in se stessi. Nel 2017, ricordano le polizie, un pensionato svizzero aveva effettuato donazioni in favore di una compagna virtuale per un totale di 400'000 franchi. Il controllo in questo ambito è difficile, viene sottolineato.

Poiché le vittime di una truffa romantica provano spesso vergogna per essersi fatte imbrogliare, tendono a non sporgere denuncia alla polizia, per cui le cifre registrate potrebbero rappresentare solo la punta dell'iceberg.

Le polizie - tra cui anche quella ticinese - raccomandano di non fidarsi mai di una persona conosciuta solo su internet, di non trasmettere mai dati personali o coordinate bancarie a terzi, di non divulgare mai foto o informazioni personali e di non versare denaro nell'ambito di una storia d'amore virtuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.