Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La CNN cita fonti investigative

Keystone/AP/RIC FELD

(sda-ats)

L'Fbi è in possesso di alcune informazioni indicanti che collaboratori del presidente americano Donald Trump sarebbero stati in contatto con agenti russi. Lo riporta la Cnn, citando fonti investigative.

Contatti finalizzati verosimilmente - secondo la rete d'informazione televisiva - a coordinare gli sforzi per danneggiare la campagna elettorale di Hillary Clinton.

Sarebbero dunque questi alcuni degli elementi alla base della testimonianza lunedì scorso in Congresso del capo dell'Fbi, James Comey, che ha confermato indagini in corso sui possibili legami con Mosca di Trump o membri della sua campagna elettorale.

Il Bureau federale starebbe in particolare indagando sulla base di elementi riguardanti informazioni di intelligence, documenti di viaggio, carte aziendali, dati telefonici. Ma anche racconti di testimoni che avrebbero partecipato a degli incontri sospetti. Incontri in cui si sarebbe materializzato il coordinamento tra uomini di Trump e agenti di Mosca.

Le stesse fonti investigative citate dalla Cnn comunque invitano alla cautela, spiegando come non vi siano ancora conclusioni e come le indagini siano ancora in corso.

Nel luglio del 2016 alcuni hacker - che si sospetta siano legati al governo russo - rubarono le email del Democratic National Committee e di alcuni responsabili della campagna di Hillary Clinton, provocando un terremoto all'interno del partito democratico e danneggiando la candidata democratica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS