Navigation

Trump dice addio alla convention per il coronavirus

Donald Trump rinuncia alla convention in Florida. KEYSTONE/EPA/Yuri Gripas / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2020 - 07:00
(Keystone-ATS)

Donald Trump dice definitivamente addio a una vera e propria convention repubblicana a fine agosto, quando avrebbe dovuto accettare la nomination intervenendo a Jacksonville, in Florida.

"Non è il momento giusto", ha detto riferendosi all'emergenza coronavirus. "Terrò ancora un discorso per accettare la nomination, ma in una forma diversa", ha aggiunto Trump.

La convention repubblicana si sarebbe dovuta svolgere a Jacksonville, in Florida, proprio uno dei focolai della nuova ondata di contagi da Covid-19. Nei giorni scorsi Trump aveva già annunciato che non farà più comizi in persona fino a che ci sarà l'emergenza, passando ai comizi per telefono.

I democratici hanno già cancellato la convention in forma tradizionale che era programmata a metà agosto a Milwaukee, in Wisconsin. Anche Joe Biden, dunque, accetterà la nomination senza parlare davanti alla platea dei delegati.

Ieri gli Stati Uniti hanno registrato 76'570 nuovi casi di coronavirus in un giorno, per un totale che ha superato i 4 milioni. Lo rende noto l'università americana Johns Hopkins. I morti nelle ultime 24 ore sono stati 1225, per un totale di 144'167 vittime.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.