Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump 'posticipa' i dazi sulle auto europee e giapponesi di 180 giorni, ovvero sei mesi, e ordina il proseguire delle trattative con l'Ue e il Giappone. Lo annuncia la Casa Bianca.

"Il rapporto inviatomi" dal segretario al Commercio mette in evidenza che la ricerca e lo sviluppo nell'industria automobilistica americana "è vitale per la sicurezza" nazionale. Ma l'aumento delle "importazioni di auto e di componenti, insieme ad altre circostanza, hanno negli ultimi 30 anni concesso agli stranieri un vantaggio competitivo rispetto ai produttori americani" spiega Donald Trump.

La quota delle case automobilistiche americane sul mercato statunitense è scesa, passando dal 67% del 1985 al 22% del 2017. "Durante questo periodo il volume delle importazioni è quasi raddoppiato da 4,6 milioni di unità a 8,3 milioni di unità. Nel 2017 gli Stati Uniti hanno importato auto per oltre 191 miliardi di dollari di valore" aggiunge il presidente degli Stati Uniti.

"Una delle circostanze che esacerbano gli effetti di queste importazioni sono mercati stranieri come quello dell'Unione Europea e del Giappone, che impongono significative barriere all'import dell'industria industria automobilistica dagli Stati Uniti".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.