Navigation

Trump sotto impeachment. "Vogliono annullare elezioni"

Donald Trump è il terzo presidente Usa messo in stato d'accusa con la procedura di impeachment. KEYSTONE/AP/PS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2019 - 11:40
(Keystone-ATS)

Donald Trump entra nella storia indossando i panni del terzo presidente Usa messo in stato d'accusa con la procedura di impeachment.

Prima di lui sono finiti a giudizio solo Andrew Johnson nel lontano 1868 e Bill Clinton nel 1998. Entrambi sono stati assolti in Senato, come succederà con ogni probabilità in gennaio anche al tycoon, che conta sulla granitica maggioranza repubblicana nella camera alta del parlamento. Richard Nixon invece si dimise nel 1974 prima di essere imputato.

Due i capi di imputazione: abuso di potere per le pressioni su Kiev per far indagare il suo principale rivale nella corsa alla Casa Bianca Joe Biden e ostruzione del Congresso per aver bloccato testimoni e documenti.

A livello internazionale, è arrivata la reazione del presidente Russo Vladimir Putin, che ha difeso il tycoon: "l'impeachment di Trump si basa su accuse inventate e il Senato respingerà le imputazioni contro il presidente americano", ha affermato nella sua tradizionale conferenza stampa di fine anno.

Il voto della Camera è arrivato dopo settimane di aspre polemiche e dopo un lungo, a tratti velenoso dibattito in un ramo del Congresso saldamente controllato dai democratici. Alcuni repubblicani sono arrivati a paragonare l'indagine di impeachment all'attacco di Pearl Harbor o alla crocefissione di Cristo, sostenendo che Ponzio Pilato si è comportato meglio con Gesù. Alla fine i due articoli sono stati approvati rispettivamente con 230 e 229 voti, tutti dem tranne tre contrari. Compatto invece il no del Grand Old Party.

Il tycoon ha reagito attaccando: "Dopo tre anni di caccia alle streghe, bufale, vergogne, truffe, i democratici stasera stanno cercando di annullare il voto di decine di milioni di patrioti americani", ha denunciato, accusando l'opposizione di "abuso di potere".

I sondaggi mostrano un Paese spaccato a metà sulla messa in stato d'accusa ma nel frattempo il gradimento del presidente sembra salire, stando all'ultimo sondaggio di Gallup: dal 39% di quando è iniziata l'indagine all'attuale 45%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.