Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump vola nei sondaggi, e a livello nazionale raddoppia il suo vantaggio nei confronti del leader dei Tea Party Ted Cruz, staccato di 13 punti.

Forte di ciò ribadisce la sua linea dura su rifugiati e Islam, dicendo esplicitamente di non essere interessato al "politicamente corretto".

Lo fa nel corso del primo dibattito dell'anno tra i candidati repubblicani alla Casa Bianca, in diretta tv da Charleston, in South Carolina. Tra il pubblico tutta la sua famiglia, dalla moglie Melania ai figli Ivanka ed Eric. "I rifugiati sono un cavallo di Troia" per introdurre il terrorismo - afferma - e per questo "non dobbiamo permettere che questa gente entri in America".

Appare in forma il tycoon, che difende con orgoglio il suo essere newyorchese. E per rafforzare la sua tesi cita gli ultimi attentati compiuti a Istanbul e a Giacarta: "Non è questione di alimentare la paura. È una realtà. Tra i rifugiati - sostiene - ci sono poche donne, pochi bambini, e molti uomini. Giovani e forti".

È da Cruz - che lo insidia in Iowa e New Hampshire, le prime due tappe delle primarie - che Trump dovrebbe guardarsi. Ma a contrastarlo con più efficacia è stavolta Jeb Bush. "Così è impossibile creare quella coalizione necessaria per combattere lo Stato islamico", attacca l'ex governatore della Florida, per il quale gli Usa "non possono essere i poliziotti del mondo ed agire in maniera unilaterale, da soli". Per battere l'Isis hanno bisogno di tutta la comunità internazionale, compresi molti Paesi arabi. "Donald, la gente è arrabbiata, impaurita. Ma tu corri per la presidenza, non puoi fare dichiarazioni avventate".

Secca la risposta di Trump, che accusa Bush di essere "debole": "Quello che a me interessa è solo la sicurezza del nostro Paese. È della sicurezza che abbiamo bisogno. E abbiamo un grande problema con l'Islam radicale. Dobbiamo essere vigili".

Su Twitter sbotta Hillary Clinton, che segue il dibattito davanti alla tv, irritata anche dalle critiche rivolte al presidente americano Barack Obama per non aver risposto con la dovuta durezza all'Iran, dopo il sequestro dei 10 marinai Usa poi rilasciati: "Non possiamo tornare a una diplomazia da cowboy e a un incosciente bellicismo. Per il futuro - scrive - abbiamo bisogno di una vera politica estera". E per quel che riguarda le posizioni anti-Islam di Trump, "l'America - twitta Hillary - è anche un Paese di musulmani. Chi corre per essere presidente dovrebbe saperlo. L'Islam - aggiunge - non è un nostro nemico. E una retorica d'odio verso l'Islam non solo è sbagliata, ma fa il gioco dei terroristi".

Ad unire i candidati repubblicani le dure critiche a Obama e a quella Hillary Clinton accusata di correre "per il terzo mandato" dell'attuale presidente democratico. Nel mirino la visione offerta da Obama nel suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione. E soprattutto la sua determinazione per una severa stretta sulle armi da fuoco. "Se a Parigi dall'altra parte ci fossero state le armi non ci sarebbero stati 130 morti e più", afferma Trump. Anche Jeb Bush è d'accordo: "La legge prevede i controlli preventivi sulla vendita di armi e l'Fbi li deve fare. Togliere i diritti non è una soluzione e non abbiamo bisogno di nuove regole".

Alla fine della serata Trump appare il più soddisfatto: "Se sarò eletto presidente, i miei figli Eric e Ivanka si divertiranno a gestire le mie società. A me non interessa. Io userò la mia testa per l'America".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS