Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche se in Svizzera attualmente non vi sono casi di tubercolosi negli animali selvatici, i cacciatori e i guardiacaccia sono invitati alla massima vigilanza. Ogni caso sospetto deve essere segnalato a un veterinario ufficiale.

Nell'ambito del programma di riconoscimento avviato nel 2014 tutti i campioni sono risultati negativi, informa oggi l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV). Le popolazioni di cervi e di cinghiali infette delle regioni limitrofe aumentano tuttavia il rischio di contagio per gli animali in Svizzera, rileva l'USAV. Il problema non è affatto trascurabile visto che la tubercolosi può essere trasmessa anche all'uomo.

Contro la propagazione di questa patologia è necessario in primo luogo evitare alte densità di cervi e cinghiali, favorite in particolare dai luoghi di foraggiamento. I cacciatori sono da parte loro invitati a servirsi di un manuale che spiega come riconoscere la tubercolosi sulle carcasse, pubblicato di recente.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS