Navigation

Tunisia: Ben Ali, contro di me condanna a eliminazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2011 - 20:40
(Keystone-ATS)

L'ex presidente tunisino Ben Ali ha definito una "condanna ad eliminazione" quella contro di lui, per contumacia, emessa ieri a Tunisi e che prevede 35 anni di prigione e multe colossali per abuso di fondi pubblici. Lo afferma lo stesso Ben Ali, secondo quanto riferito dal suo avvocato francese Jean-Yves Le Borgne.

Nella nota diramata dal suo avvocato francese, Ben Ali afferma: "dopo meno di due ore di udienza, seguita da una delibera dove le interrogazioni sono state rapidamente sormontate, il tribunale ha pronunciato una pena giuridicamente insensata ma politicamente opportuna".

Ben Ali punta inoltre il dito contro "una parodia giudiziaria, il cui solo merito è stata la brevità". Per l'ex presidente tunisino, "come temevamo, questa formula di liquidazione politica, affidata alla giustizia dei vincitori, esprime l'odio cieco del passato che nasconde male l'assenza di ogni visione per il futuro".

"Al di là di questa vicenda giudiziaria indegna", si conclude nella nota, Ben Ali spera "che la serenità sia presto ritrovata, che ritorni la concordia nazionale, e che la Tunisia si impegni di nuovo sul cammino della modernità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?