Navigation

Tunisia: disoccupati all'attacco, bruciata caserma polizia

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 aprile 2012 - 15:26
(Keystone-ATS)

Non si placano a Mellaha, piccolo centro che ricade nella delegazione di Rades, dove c'è il più importante porto commerciale della Tunisia, le violente manifestazioni di giovani disoccupati che chiedono un posto di lavoro e che, cominciate sabato, ieri sera hanno visto un attacco ad una caserma della Polizia, che è stata incendiata, senza conseguenze per gli agenti.

L'attacco è giunto dopo che il procuratore della repubblica di Ben Arous (competente per Rades) ha concesso la scarcerazione a 5 dei 25 giovani fermati per gli incidenti nella città di Mellaha. Per 13 dei fermati sono stati, invece, emessi dei mandati d'arresto, mentre ad altri sette, dopo la scarcerazione, sono stati notificati degli ordini di comparizione.

È da settimane che tutta la Tunisia è scossa da incidenti animati da giovani in cerca di occupazione e non riescono a trovare lavoro soprattutto nel settore pubblico, come nelle società che gestiscono i servizi del porto di Rades o del distretto minerario di Gafsa, che ha registrato violenti disordini all'inizio della settimana.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?