Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcune decine di migranti subsahariani sono annegati, al largo delle coste tunisine, nel naufragio dell'imbarcazione sulla quale volevano raggiungere l'Italia.

Secondo quanto riferisce il sito Kapitalis, la Guardia costiera tunisina ha recuperato dieci corpi, mentre almeno altri venti sono stati avvistati. La tragedia è avvenuta nelle vicinanze del porto El-Ketef, a Ben Guerdane, nel governatorato di Médenine.

Al momento le informazioni raccolte non consentono di accertare se vi siano dei superstiti.

Secondo le prime indagini, l'imbarcazione era proveniente da una località della Libia. I cadaveri recuperati sono stati trasferiti nel porto El-Ketef per avviare le difficili procedure di identificazione.

Domenica scorsa, i corpi di altri cinque migranti subsahariani erano stati ripescati nella stessa regione, vicino al lago El-Bibane, che, insieme a quello El-Ketef, sono collegati al Mediterraneo e si trovano alla frontiera tra Tunisia e Libia.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS