Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

All'indomani dell'approvazione della nuova legge antiterrorismo prosegue l'attività di prevenzione e repressione delle forze di sicurezza tunisine nei confronti dei gruppi terroristici di matrice islamica. Le autorità avrebbero eseguito almeno dodici arresti.

A Sfax, precisamente nella regione di Gremda, sono stati arrestati 6 presunti appartenenti ad una cellula jihadista, mentre altri membri della stessa organizzazione sono riusciti a dileguarsi. Fonti delle sicurezza rivelano che i primi elementi dell'indagine comproverebbero la loro militanza in gruppi terroristici organizzati, lo dimostrerebbe il materiale loro sequestrato, tra cui personal computer, cellulari e libri.

In un altra operazione la Guardia nazionale di Bizerte ha arrestato altri 5 presunti jihadisti in relazione all'operazione di due giorni fa a Menzel Bourguiba. Lo ha reso noto il ministero dell'Interno tunisino specificando che nell'operazione sono stati sequestrati due kalachnikovs e munizioni.

A Menzel Temine, nel governatorato di Nabeul, le forze dell'ordine hanno proceduto all'arresto di un tunisino ricercato nell'ambito dell'indagine sulla strage di Sousse. Il giovane, di 25 anni, è accusato di aver avuto contatti con il killer di Sousse, Seifeddine Rezgui. Ne dà notizia la radio locale Mosaique fm.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS