Navigation

Tunisia: premier incaricato promette 'riforma profonda'

Il governo di Elyes Fakhfakh dovrebbe ottenere la fiducia in serata. Keystone/AP/HASSENE DRIDI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 febbraio 2020 - 14:30
(Keystone-ATS)

Un progetto di "profonda riforma" per riportare il paese sulle rotaie della stabilità economica e sociale: lo ha promesso il premier incaricato Elyes Fakhfakh ai deputati nel discorso programmatico del suo governo, oggi atteso alla prova della fiducia.

"Questo progetto di riforma dovrebbe costituire un'importante pietra miliare sulla strada della costruzione della Tunisia di domani", ha sottolineato Fakhfakh precisando che si tratta di un patto che riunisce i tunisini di tutte le sensibilità politiche attorno a un progetto "ambizioso" per ripristinare la fiducia della popolazione e alimentare la speranza tra i giovani.

"È necessario ridare speranza ai tunisini", ha proseguito, ribadendo l'impegno del suo governo a soddisfare tutte le condizioni per il successo di questo patto e la sua attuazione.

Il governo proposto, 30 ministri e due sottosegretari (sei le donne), non ha paura delle sfide e non verrà risparmiato alcuno sforzo per mettere al primo posto i migliori interessi della Tunisia, ha detto Fakhfakh.

La nuova squadra governativa è "omogenea e coerente", quindi in grado di soddisfare le aspettative e le aspirazioni delle persone, ha osservato il premier.

Per la prima volta dall'indipendenza, una donna è stata nominata a ministro della giustizia e in futuro cercheremo di aumentare la rappresentanza femminile nelle posizioni decisionali, ha poi promesso Fakhfakh.

In squadra "importanti politici, attivisti, difensori dei diritti umani e indipendenti, scelti secondo i più alti standard di competenza, integrità, e incensuratezza, che senza dubbio creeranno una dinamica di gruppo all'interno del governo e renderanno le sue azioni più efficaci", ha concluso Fakhfakh.

Il voto è previsto in serata e secondo le ultime indiscrezioni la fiducia dovrebbe essere assicurata con circa 125 voti su 217 (109 i voti necessari).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.