Navigation

Tunisia: scontri; avvocati in sciopero, bloccati tribunali

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 gennaio 2011 - 16:56
(Keystone-ATS)

TUNISI - Sciopero generale degli avvocati in Tunisia. Migliaia di legali hanno incrociato oggi le braccia bloccando l'attività dei tribunali.
La protesta è stata indetta per denunciare gli scontri avvenuti il 31 dicembre scorso durante una manifestazione di solidarietà degli stessi avvocati a favore degli abitanti della regione di Sidi Bouzid, teatro di violente proteste di giovani e lavoratori.
"Ad aderire allo sciopero il 95% degli avvocati" che hanno accolto la proposta del Consiglio dell'Ordine, ha precisato il presidente dell'ordine Abderrazak Kilani, aggiungendo che "nessun incidente" si è verificato e la protesta si sta svolgendo in piena tranquillità nelle regioni vicino a Tunisi". "Alcune udienze" sono state "assicurate" nei vari tribunali, ma la "maggiore parte degli 8.000 avvocati ha partecipato allo sciopero", ha specificato la stessa fonte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?