Navigation

Tunisia: vertice francofonia rinviato al 2021

Rinviato il Vertice della francofonia. Immagine dell'edizione 2019. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 maggio 2020 - 08:47
(Keystone-ATS)

Il presidente tunisino Kais Saied e il segretario generale dell'Organizzazione internazionale della francofonia (Oif) hanno convenuto, a causa dell'emergenza coronavirus, di rinviare al 2021 la 18ma edizione del Vertice della francofonia.

L'evento avrebbe dovuto tenersi a Tunisi il 12 e 13 dicembre di quest'anno.

Riaffermando la volontà della Tunisia di ospitare il Vertice, Saied ha proposto la sua organizzazione all'isola di Djerba nel 2021 in una data da concordare di comune accordo. Rimane invariato il tema che sarà: "Connettività nella diversità: il digitale vettore di sviluppo e solidarietà nello spazio francofono".

L'Organizzazione internazionale della francofonia (Oif) comprende 56 Stati e governi e 14 osservatori provenienti dai cinque continenti. L'elemento che accomuna i membri è la lingua.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.