Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il tunnel autostradale del San Gottardo si è classificato all'ultimo posto tra 20 gallerie europee testate per conto del club automobilistico tedesco ADAC, seppure con la valutazione "buono".

Ne dà notizia oggi in una nota il Touring Club Svizzero (TCS), che ne approfitta insieme all'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) per ribadire la necessità del raddoppio.

L'"infelice piazzamento" - scrive il TCS - è dovuto al voto "molto insufficiente" conseguito nella valutazione del sistema di gestione del tunnel: "il grande svantaggio" emerge dal fatto che la galleria lunga 17 chilometri ha una sola canna e il traffico è bidirezionale.

Ne consegue un "forte rischio di incidenti", aumentato dalla notevole proporzione di camion tra i 17'500 veicoli che attraversano ogni giorno il tunnel e dalle ripide rampe d'accesso: salendo i veicoli tendono a riscaldarsi e aumenta così il rischio di incendi. Dal 2002 si contano dai 5 ai 16 incendi all'anno nella galleria del San Gottardo, rileva l'USAM. Ha influito negativamente sulla valutazione anche la distanza massima di 2800 metri tra le aree di sosta d'emergenza, ritenuta eccessiva.

Il risultato del San Gottardo è tuttavia "leggermente migliore" rispetto a quello del test del 2002, quando le varie lacune emerse avevano fatto classificare la galleria come appena "sufficiente". Questa differenza si spiega con una valutazione nettamente migliore sui criteri di sorveglianza del traffico e di ventilazione del tunnel, scrive il TCS.

Il Touring auspica che la galleria raggiunga un giorno la valutazione "molto buono", come quella austriaca dei Tauri, in origine a un solo tubo e giudicata "insufficiente", ma in seguito potenziata con una seconda canna dal 2011. Lo sforzo è stato premiato, tanto che nel test europeo del 2012 la galleria dei Tauri è stata la migliore con la menzione "ottimo", commenta il TCS.

Più esplicita l'USAM, secondo la quale "solo la realizzazione di un secondo tubo di risanamento permetterà di ridurre sensibilmente il rischio di incidenti".

Il test è stato realizzato su incarico dell'ADAC, club partner del TCS, da esperti della società DMT, che hanno esaminato tra il 5 febbraio e il 6 marzo scorsi - basandosi sulle prescrizioni nazionali e la direttiva Ue sui requisiti minimi di sicurezza - 20 gallerie in cinque paesi europei: 14 in Germania, due in Italia e in Austria, la galleria del San Gottardo in Svizzera e il tunnel del Monte Bianco, tra Francia e Italia.

https://presse.adac.de/meldungen/tests/adac-tunneltest-das-beste-ergebnis-aller-zeiten.html

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS