Navigation

Turchia: "legami con Gulen", 260 mandati d'arresto

Continuano le purghe contro al rete di Fethullah Gulen, qui in un'immagine del 2016. KEYSTONE/FR170581 AP/CHRIS POST sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2019 - 09:43
(Keystone-ATS)

Nuova massiccia operazione in Turchia contro la rete di Fethullah Gulen, che il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan accusa di aver organizzato il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.

La procura di Ankara ha emesso stamani 260 mandati d'arresto nei confronti di persone sospettate di aver utilizzato ByLock, l'app di messaggistica istantanea che secondo i magistrati veniva impiegata dai golpisti per scambiarsi informazioni criptate.

Almeno 171 dei ricercati sono già finiti in manette. Si tratta della più grande operazione in termini numerici condotta quest'anno contro i gulenisti, secondo l'agenzia di stampa governativa turca Anadolu.

Dal putsch mancato decine di migliaia di persone sono state arrestate e oltre 140'000 licenziate o sospese dalle pubbliche amministrazioni in Turchia per accuse di legami con la rete golpista.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.