Navigation

Turchia: "legami golpisti", 766 mandati d'arresto

I mandati d'arresto riguardano persone sospettate di essere affiliate alla rete di Fethullah Gulen (nella fotografia che risale al 2016), che Ankara accusa di aver orchestrato il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016. KEYSTONE/FR170581 AP/CHRIS POST sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2020 - 10:02
(Keystone-ATS)

Nuove maxiretate stamani in Turchia contro sospetti affiliati alla rete di Fethullah Gulen, che Ankara accusa di aver orchestrato il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.

Diverse procure in tutto il Paese hanno emesso almeno 766 mandati d'arresto. Le operazioni, riferisce l'agenzia di stampa governativa Anadolu, riguardano supposti infiltrati nell'esercito, nelle forze di polizia e nel ministero della giustizia.

L'operazione principale è coordinata dai magistrati della capitale Ankara e prende di mira 467 persone accusate di aver truccato negli esami del 2009 per gli agenti di polizia, che permettevano l'accesso alla posizione di vicecommissario. Le domande sarebbero state rese note in anticipo per favorire l'infiltrazione tra i vertici della polizia di agenti legati a Gulen.

Blitz per cercare di arrestare i sospetti sono in corso in 67 province. Altri raid vengono condotti in tutto il Paese, da Smirne sulla costa egea ad Adana su quella mediterranea. Tra i ricercati ci sono anche decine di militari tuttora in servizio.

Dal fallito putsch, decine di migliaia di persone sono state arrestate e oltre 140'000 licenziate o sospese dalle pubbliche amministrazioni nelle più grandi purghe della storia contemporanea della Turchia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.