Navigation

Turchia: 125 anni a scafisti del naufragio Alan Kurdi

Foto simbolica. KEYSTONE/AP See-Eye/JULIE BOURDIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2020 - 11:39
(Keystone-ATS)

Tre scafisti turchi che avevano organizzato la traversata nel mar Egeo in cui nel 2015 morì il piccolo rifugiato siriano Alan Kurdi sono stati condannati a 125 anni di prigione a testa per "traffico di esseri umani" e "omicidio". Lo riporta Anadolu.

Il corpo di Alan, che aveva poco più di 3 anni, era stato ritrovato il 2 settembre 2015 su una spiaggia di Bodrum, sulla costa egea della Turchia. Da lì era partito verso le isole greche il gommone su cui si trovava, poi affondato.

La foto della piccola vittima commosse il mondo e scatenò l'indignazione a livello globale per la crisi dei rifugiati siriani. Nello stesso naufragio persero la vita altre 4 persone che erano a bordo, mentre 9 vennero tratte in salvo.

I magistrati avevano individuato cinque sospetti responsabili della traversata, due siriani e tre turchi. I siriani erano stati già arrestati e condannati nel 2016 a 4 anni e 2 mesi di carcere ciascuno per "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina". I turchi erano invece rimasti latitanti, fino al recente arresto nella provincia meridionale di Adana, vicino al confine siriano.

Condotti nel tribunale cittadino, sono stati giudicati stamani in videoconferenza dai giudici di Bodrum, dove si era svolto il processo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.