Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ANKARA - Per la prima volta nella storia della Turchia moderna, nel tentativo di porre fine alla sanguinosa lotta armata lanciata nel 1984 dal separatista Partito del lavoratori del Kurdistan (Pkk) per creare uno stato curdo indipendente sul territorio della Turchia, il governo di Ankara ha avviato oggi un dialogo con alcuni uomini politici ritenuti vicini ai ribelli.
Lo riferisce l'agenzia Anadolu dando notizia dell'incontro, avvenuto nel pomeriggio, fra il vice primo ministro Cemil Cicek e una delegazione del Partito per la Pace e la Democrazia (Bdp, filocurdo) guidata dal suo presidente Selahattin Demirtas.
"Riteniamo che non ci siano problemi insolubili e che ci sia lo spazio per risolverli senza spargimento di sangue (...) facendo uso della democrazia e della legge", ha detto Cicek al termine della riunione. Per Demirtas, "l'atmosfera è positiva. La riunione di oggi ha creato le basi per una intensificazione degli sforzi in via di una soluzione politica" della cosiddetta "questione curda".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS