Navigation

Turchia: Erdogan, Gezi Park non si tocca fino sentenza corte

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2013 - 11:34
(Keystone-ATS)

Il premier turco Recep Tayyip Erdogan si è impegnato con i manifestanti a rispettare le decisioni della giustizia sui lavori previsti a Gezi Park. Lo ha detto il portavoce del partito islamico Akp al governo, Huseyin Celik, dopo l'incontro di ieri sera del premier con una delegazione di manifestanti. Una corte di Istanbul aveva sospeso l'esecuzione dei lavori in forma cautelativa due settimane fa in attesa di una decisione sul merito.

C'è una pausa apparente, ma ancora non si sa quanto durerà, nella spirale di tensione degli ultimi giorni fra il governo di Ankara e i manifestanti di Parco Gezi, dopo l'incontro fra il premier Erdogan e alcuni rappresentanti della protesta. Non c'è stato questa mattina all'alba il previsto attacco della polizia a Gezi Park. Ieri Erdogan aveva lanciato un ultimatum ai manifestanti che ancora occupano il parco, intimando loro di lasciarlo entro 24 ore. Dopo la riunione di questa notte ci sono state dichiarazioni in apparenza distensive delle due parti.

I delegati dei manifestanti hanno chiesto anche inchieste sulla brutalità della polizia. Erdogan ha affermato che chi sarà ritenuto responsabile di abusi sarà punito come prevede la legge.

Il portavoce del partito islamico Akp al governo, Huseyin Celik ha però di nuovo invitato, ma in termini più moderati, i manifestanti a lasciare il parco. I rappresentanti della protesta hanno commentato positivamente i risultati della riunione, ma hanno risposto che la decisione dovrà essere presa individualmente dai manifestanti. Questo pomeriggio ci sarà a Gezi Park una commemorazione dei manifetanti morti dall'inizio della protesta.

Mentre Erdogan incontrava i rappresentanti della protesta di Istanbul, la polizia ha disperso con brutalità nella notte una alcune centinaia di giovani che manifestavano pacificamente vicino a Tunali ad Ankara.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.