Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Che ora è?". È la domanda che impazza sui social media turchi da stanotte quando è tornata l'ora solare, ma non per la Turchia. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha deciso, infatti, di posticipare lo spostamento delle lancette dopo le elezioni di novembre.

Solo che, riporta la Bbc, gli orologi di computer, tablet e smartphone turchi non hanno tenuto conto della nuova "ora di Erdogan" e si sono aggiornati automaticamente su quella solare. Da qui la confusione dei turchi che hanno deciso di sfogare sul web, con ironia, la frustrazione per il gesto 'paternalisticò di Erdogan.

La decisione di Erdogan, spiegano fonti ufficiali turche, è stata presa per garantire agli elettori un'ora di luce in più quando andranno alle urne, il 1. novembre. L'ora solare tornerà in vigore soltanto una settimana dopo, l'8 novembre.

Non è la prima volta che, in vista di importanti eventi nazionali, la Turchia decide di posticipare i cambi d'orari. Soltanto che con il diffondersi di smartphone e tablet mai come oggi l'iniziativa ha aveva creato così tanti disagi.

Per uscire dalla confusione di queste ore, i produttori di smartphone e tablet hanno suggerito di togliere dalle impostazioni l'aggiornamento automatico dell'ora e cambiarla a mano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS