Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo turco ha in programma per domani una discussione sulla decisione del parlamento tedesco di definire "genocidio" il massacro di 1,5 milioni di armeni nel 1915, sotto l'Impero Ottomano. Una mozione che ha creato una crisi diplomatica tra Ankara e Berlino.

"La decisione del Bundestag non ha nessun significato per noi", ha attaccato il vicepremier turco Numan Kurtulmus annunciando la discussione prevista per domani secondo quanto riportato dall'agenzia Anadolu.

Ieri il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito la mozione del parlamento tedesco un "ricatto" contro la Turchia. "La questione armena è un'utile opportunità di ricatto contro la Turchia in tutto il mondo, e sta iniziando ad essere usata anche come bastone", ha detto in un'intervista ad al Jazeera ribadendo che "non accetteremo mai tali accuse".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS