Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ANKARA - In Turchia è di almeno dodici morti accertati il bilancio provvisorio delle gravi inondazioni registratesi da ieri sera nella regione nord-orientale della provincia di Rize, sul Mar Nero, ma le autorità temono che il numero delle vittime sia destinato a salire perché un numero imprecisato di persone risulta ancora disperso. Lo riferisce l'emittente privata turca Ntv.
Particolarmente colpita dalle piogge torrenziali che da oltre 24 ore cadono sulla zona è stata la cittadina di Gundoglu, varie aree della quale sono state letteralmente spazzate via. La violenza delle acque ha provocato frane e smottamenti del terreno che hanno distrutto e sepolto decine di abitazioni. I bulldozer sono freneticamente all'opera per cercare di estrarre superstiti e cadaveri dal fango. Centinaia le persone rimaste senta tetto.
Le frane hanno provocato anche l'interruzione di parecchie strade, delle comunicazioni telefoniche e della fornitura di corrente elettrica. Le regioni sulla costa turca del Mar Nero sono regolarmente colpite da gravi inondazioni a causa delle forti piogge che cadono stagionalmente sulla zona e dal dissesto del territorio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS