Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il comitato esecutivo della società calcistica del Galatasaray ha decretato l'espulsione dalla lista dei suoi iscritti degli ex giocatori del club e della nazionale turca Hakan Sukur e Arif Erdem, ricercati con l'accusa di far parte della rete Fethullah Gulen.

La decisione è giunta in una riunione d'emergenza convocata ieri sera, dopo i decisi attacchi giunti dal governo per il 'salvataggio' dei due ex calciatori nella riunione di sabato dei membri dell'assemblea del club, che avevano invece cacciato diversi altri sospetti 'gulenisti'.

Sukur, giocatore simbolo della vittoria del Galatasaray nella Coppa Uefa del 2000 e miglior marcatore di sempre con la maglia della nazionale turca, ha giocato anche in Italia con Torino, Inter e Parma.

Già deputato del partito Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan, si era dimesso dopo la rottura di quest'ultimo con Gulen, di cui si è più volte dichiarato un sostenitore. Sotto processo anche per offese a Erdogan su Twitter, si era trasferito prima del fallito golpe del 15 luglio negli Stati Unti, dove Gulen vive in auto-esilio dal 1999. Secondo le autorità, anche Erdem si trova all'estero.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS