Navigation

Turchia: liberata nota universitaria accusata di 'terrorismo'

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 luglio 2012 - 18:49
(Keystone-ATS)

Il tribunale di Silivri a Istanbul ha concesso oggi la libertà provvisoria alla nota universitaria Busra Ersanli, in carcere da oltre 8 mesi nel quadro di una inchiesta su presunte complicità con il "terrorismo" curdo.

Con Ersanli il tribunale ha disposto l'uscita dal carcere in attesa del giudizio di altri 15 dei 205 accusati - universitari, politici, sindacalisti, giornalisti - 140 dei quali sono arrivati in detenzione preventiva al processo iniziato il 2 luglio. Sono accusati di fare parte o di avere legami con l'Unione delle Comunità Curde (Kck), a sua volta accusata di essere vicina al Pkk, il gruppo armato indipendentista curdo in lotta contro lo stato turco da 30 anni. Nelle ultime settimane decine di persone sono state arrestate nel quadro di nuove inchieste sul separatismo curdo.

Ersanli, ritenuta una pacifista vicina al partito curdo Bdp rappresentato nel parlamento di Ankara, è accusata di essere a capo di una "organizzazione terroristica". Rischia 15 anni di carcere. Fra gli imputati al processo c'è anche il noto editore Ragip Zaracoglu, candidato al Premio Nobel per la pace 2012, rimesso in libertà in aprile dopo una campagna internazionale in sua difesa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?