Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È salito a 282 morti il bilancio dell'esplosione nella miniera turca di Soma (Ovest). Lo ha detto oggi il ministro dell'Energia, Taner Yildiz. "Alle 8.00 (le 7.00 in Svizzera) registriamo 282 morti", ha detto il ministro, aggiornando il precedente bilancio di 274 vittime.

L'incidente è il peggiore disastro industriale nella storia della Turchia moderna, rileva la stampa di Ankara.

Il numero dei morti con ogni probabilità continuerà ad aumentare. Decine di minatori sono ancora intrappolati nelle gallerie bloccate dall'esplosione di due giorni fa e le speranze che ci possano essere ancora dei sopravvissuti sono ridotte quasi a zero. Fino ad oggi il peggiore disastro in Turchia era stato quello della miniera di carbone di Zonguldak, nella regione del Mar Nero, dove nel 1992 una esplosione aveva fatto 263 morti.

Il governo ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale. Ieri ci sono state manifestazioni di protesta a Ankara e Istanbul, con scontri con la polizia, ma anche a Soma dove i parenti delle vittime hanno duramente contestato il premier Recep Tayyip Erdogan.

SDA-ATS