Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia turca è intervenuta con la forza a Smirne per disperdere circa 20'000 manifestanti che denunciavano le responsabilità del governo nel disastro della miniera di Soma, che ha fatto già 282 morti, riferisce l'agenzia Dogan.

Il presidente del sindacato Disk, uno dei più importanti del paese, Kani Beko, ha dovuto essere ricoverato dopo la carica della polizia contro i manifestanti.

Altre manifestazioni di protesta sono previste in altre città turche, in particolare ad Ankara e Istanbul, teatro già ieri di incidenti fra dimostranti e polizia.

Diversi sindacati hanno proclamato una giornata di sciopero oggi per protestare in particolare contro le carenze nella sicurezza delle miniere del paese e denunciare le responsabilità del governo del premier Recep Tayyip Erdogan nel disastro di Soma, il più grave nella storia della Turchia moderna. In visita a Soma, Erdogan è stato contestato ieri dai parenti dei minatori morti o ancora intrappolati in fondo alla miniera, con pochissime speranze di uscirne vivi, che lo hanno accolto con fischi e grida di "dimissioni".

Un lutto nazionale di tre giorni è stato proclamato ieri in Turchia.

SDA-ATS