Tutte le notizie in breve

Circa 2mila persone sono state uccise durante le operazioni di sicurezza del governo turco tra il mese di luglio 2015 e il dicembre 2016 nel sud est del Paese.

Tali operazioni hanno colpito "più di 30 città e quartieri e sfollato tra 335.000 e mezzo milione di persone per lo più di origine curda". Lo afferma un rapporto dell'Onu presentato oggi a Ginevra. Per l'Alto commissario Onu per i diritti umani Zeid Raad Al Hussein "un'indagine indipendente è urgente e indispensabile".

Secondo le informazioni ricevute dalle Nazioni Unite, tra le 2mila persone uccise figurerebbero circa 800 membri delle forze di sicurezza e circa 1.200 residenti locali, "di cui un numero non specificato potrebbe essere stato coinvolto in azioni violente o non-violente contro lo Stato", si legge nel rapporto pubblicato dall'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani.

L'Onu ha inoltre documentato numerosi casi di uso eccessivo della forza, uccisioni, sparizioni forzate, casi di tortura, distruzione di abitazioni e beni culturali, violenze contro le donne ed altre violazioni.

Pur riconoscendo le sfide complesse che la Turchia si trova ad affrontare dopo il tentato colpo di stato del luglio 2016 e nel rispondere a una serie di attacchi terroristici, Zeid si è detto "particolarmente preoccupato per i rapporti secondo i quali nessuna indagine credibile è stata condotta sulle centinaia di presunte uccisioni illegali, anche di donne e bambini durante un periodo di 13 mesi tra la fine di luglio 2015 e la fine di agosto del 2016".

Il rapporto cita anche informazioni ricevute dal governo turco secondo le quali il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che il governo considera un'organizzazione terroristica ha condotto tra l'altro una serie di attacchi violenti che "hanno causato morti e feriti tra le forze di sicurezza e altre persone".

Il governo della Turchia non ha consentito all'Onu di accedere alla regione. Il rapporto - il primo di una serie - è stato stilato ricorrendo a immagini satellitari e interviste.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve