Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La stampa turca riferisce di sempre più frequenti aggressioni in diverse città del paese contro i manifestanti anti-governativi da parte di uomini armati di bastoni, mazze da baseball, coltelli e machete, probabilmente secondo Hurriyet online poliziotti in borghese o sostenitori del partito islamico Akp del premier Recep Tayyip Erdogan.

Un manifestante di 19 anni, Ali Ismail Korkmaz, è morto mercoledi dopo 33 giorni in coma per le ferite riportate durante un selvaggio pestaggio da parte di una di questa squadracce il due giugno a Eskisehir. Aggressioni contro i dimostranti sono state segnalate anche ad Ankara, Istanbul, Smirne, Antiochia. Ci sono stati feriti. La polizia non è intervenuta e non ha effettuato arresti.

Hurriyet riferisce che 40 registrazioni video di aggressioni di questo tipo sono state consegnate alla procura di Ankara. Fra i filmati ci sono anche le registrazioni delle telecamere di sicurezza della strada di Eskisehir al momento del pestaggio costato la vita a Korkmaz. Ma secondo il quotidiano Radikal sono stati cancellati i 18 minuti durante i quali il ragazzo è stato picchiato da diversi aggressori. Decine di migliaia di persone hanno assistito ieri a Antiochia ai funerali del giovane. Fra i presenti anche le mamme di due degli altri tre giovani manifestanti uccisi nelle proteste delle ultime settimane.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS