Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier turco incaricato, Binali Yildirim, ha annunciato la lista dei ministri del suo governo, approvata stamani dal presidente Recep Tayyip Erdogan.

Il nuovo esecutivo di Ankara, che nei prossimi giorni andrà in Parlamento per la fiducia, sostituisce quello guidato dopo il trionfo elettorale di novembre da Ahmet Davutoglu, che si è dimesso per uno scontro con Erdogan sul passaggio a un sistema presidenziale. Tra i nomi nuovi, spicca quello del ministro per gli Affari Europei, che sarà l'ex portavoce del partito di governo Akp, Omer Celik.

La sostituzione di Volkan Bozkir, capo negoziatore con l'Ue e diplomatico di lungo corso, potrebbe indicare un cambio di strategia nei rapporti con Bruxelles. Per il resto, molte le conferme nei posti chiave. Mevlut Cavusoglu rimane ministro degli Esteri, mentre il genero di Erdogan, Berat Albayrak, sarà ancora il responsabile dell'Energia.

Efkan Ala è stato confermato al ministero dell'Interno. Resta nel governo come vicepremier anche Mehmet Simsek, l'ex strategist di Merrill Lynch considerato una delle 'assicurazionì sulla tenuta della politica finanziaria di Ankara. All'Economia arriva invece Nihat Zeybekci, che aveva già occupato quella poltrona tra il 2013 e il 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS